Autore Topic: June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)  (Letto 26393 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Spina nel Fianco

  • "Chi non sa ridere non è una persona seria."
  • Gunner
  • *
  • Credibilità: 2
    • Axl
    • Neutrale
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #50 il: 23 Giugno 2012, 00:39:am »
Davvero?
Praticamente a Milano non vogliono più concerti
ma lì mica è Milano è Rho e poi non c'è un cazzo intorno :popcorm1:

Garth_Farmer

  • Visitatore
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #51 il: 23 Giugno 2012, 00:48:am »
nno sei attento. nell'altro topic dicevo che andavo a vedere predator2.


ORA vado a letto.


  @400

Ah. Ok.


Offline Makaveli

  • Gunner
  • *
  • Credibilità: 8
    • Slash
    • Pro Reunion
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #53 il: 23 Giugno 2012, 10:45:am »
qua ci sono altri video, ma la qualità non è il massimo: http://www.youtube.com/user/GeorIron/videos?query=guns+gods

igorguns

  • Visitatore
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #54 il: 23 Giugno 2012, 11:13:am »
sembrava bello carico, il ciccio, dai! 
poi topogigia un po', ma ci son stati episodi molto peggiori. 


diciamo un topogigio medio.


  @400

Offline Josh

  • Gunner
  • *
  • Credibilità: 2
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #55 il: 23 Giugno 2012, 11:51:am »
Beh, visto che una recensione sul concerto ancora non c'è, vi riporto le mie impressioni; non ho la capacità della sintesi, quindi siate pazienti.

Decido di comprare il biglietto davvero all'ultimo ("nostalgia nostalgia canaglia", cantava qualcuno,vabbè...) e arrivo alle nove nell'arena, piazzandomi benissimo davanti alle transenne libere, rimango stupito dallo scarso numero di persone, il biglietto è davvero caro in effetti.

Arriviamo alla band e al rosso: l'ultima volta che li vidi era il Gods 2006 e sono cambiate diverse cose: la band, che allora era molto imprecisa, adesso è assolutamente compatta e brillante, con una sezione ritmica notevole, e quando ogni musicista si ritaglia il proprio spazio solista non è più un siparietto ma davvero un'occasione di sfoggio di talento (con un Fortus assolutamente mostruoso).
Quello che sfugge è perchè Axl scelga dei geni che poi vengono relegati al ruolo di comprimari, facendo eseguire la maggior parte dei soli ad Ashba che è chiaramente nella band perchè è il suo amante e lo ricatta sessualmente, non c'è altra spiegazione.
Asha è davvero chitarristicamente modestissimo, ha un buon impatto scenico sul pubblico ed è pure belloccio, ma sentirlo ricalcare malamente i soli di Slash, rispetto agli altri che lo fanno con tutt'altro gusto, fa muovere davvero più di un sorriso, i suoi soli sono davvero a livello tribute band di provincia. Nel solo di patience mi è scappato un "e tirala 'sta nota,cacchio!".Soprassediamo.

Dunque la band gira decisa e piuttosto affiatata, belli gli stacchi con i fuochi, le stelle filanti, i video e le luci a fare un bel contorno, rimango stupito dai pezzi di Chinese, che, forse perhè inframezzate dai classici, convincono di più, e in effetti vengon scelte le migliori, che sembrano ben recepite dai presenti, anche se con meno clamore.

Veniamo ad Azeglio: dopo 6 anni e tante chiacchiere d'impatto lo vedo abbastanza in canna. Sul palco, considerate le 3 ore e 15 di show (!) è piuttosto dinamico, e come frontman cala ancora le braghe a tutti.
La voce: considerata la lunghezza della show giù il cappello, quanto alla prestazione vocale in sè ho un po' di riserve: molto buona la partenza con Chinese, Jungle, Easy ecc. ricordo anche un'ottima This I love dove viene finalmente fuori tuto il suo registro classico e applausi a scena aperta. In generale, avendolo finalmente ascoltato di persona, direi che ormai Axl canta totalmente in falsetto, grattando qua e là: su alcuni pezzi funziona alla grande, vedi Jungle, This I love (magistrale), Civil War e Dead flowers (graditissima sorpresa); ma su quasi tutto il suo registro ha perso molto tono: l'estensione non manca, ma compare l'"effetto gattone" che sui pezzi storici stona leggermente (Rocket queen così non si può sentire) e sulle basse è anche un filo grottesco (Mi vengono in mente "Sorry" e "November rain" che si riscatta però nel finale con degli acuti notevoli).
La voce in certi punti non c'è nettamente più (terrificante sulle basse in "Whola lotta rosie" e "Madagascar"), ma si riscatta decisamente nei registri più alti.
In generale Axl si è difeso piuttosto bene ieri, anche se non l'ho sentito al top.

Insomma: lo spettacolo nel complesso merita, ed Axl qualche cartuccia da sparare ce l'ha ancora. Ho percepito (ma è una sensazione del tutto personale) che la voglia di spaccare il mondo che avevo percepito sei anni fa stasera abbia lasciato il posto ad un signore che abbia la lucida rassegnazione di chi deve reimpersonare sè stesso per continuare.
Sono andato via con una punta di nostalgia, pensando a quel matto losangelino che sembrava dovesse spaccare il mondo col il suo ritorno e in fin dei conti propone uno spettacolo in cui rievoca sè stesso e una band che non c'è più, per dare l'occasione di vederlo a chi non l'abbia fatto prima. Le canzoni, in fondo sono quelle, da sempre.
Ho colto quella consapevolezza in Axl, ieri.

Ma, in fin dei conti, lui ieri sera aveva venti modelle ai lati del palco che se lo mangiavano con gli occhi, e io alle due stavo divorando, da solo, una brioche in autogrill, quindi chissenefrega.

Beh, buon week end, aspetto di leggere anche le vostre impressioni.
« Ultima modifica: 23 Giugno 2012, 12:20:pm da Josh »

Offline mik1978

  • Gunner
  • *
  • Credibilità: 1
  • Matricola
    • Axl
    • Pro Reunion
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #56 il: 23 Giugno 2012, 11:59:am »
Beh, visto che una recensione sul concerto ancora non c'è, vi riporto le mie impressioni; non ho la capacità della sintesi, quindi siate pazienti.

Decido di comprare il biglietto davvero all'ultimo ("nostalgia nostalgia canaglia", cantava qualcuno,vabbè...) e arrivo alle nove nell'arena, piazzandomi benissimo davanti alle transenne libere, rimango stupito dallo scarso numero di persone, il biglietto è davvero caro in effetti.

Arriviamo alla band e al rosso: l'ultima volta che li vidi era il Gods 2006 e sono cambiate diverse cose: la band, che allora era molto imprecisa, adesso è assolutamente compatta e brillante, con una sezione ritmica notevole, e quando ogni musicista si ritaglia il proprio spazio solista non è più un siparietto ma davvero un'occasione di sfoggio di talento (con un Fortus assolutamente mostruoso).
Quello che sfugge è perchè Axl scelga dei geni che poi vengono relegati al ruolo di comprimari, facendo eseguire la maggior parte dei soli ad Ashba che è chiaramente nella band perchè è il suo amante e lo ricatta sessualmente, non c'è altra spiegazione.
Asha è davvero chitarristicamente modestissimo, ha un buon impatto scenico sul pubblico ed è pure belloccio, ma sentirlo ricalcare malamente i soli di Slash, rispetto agli altri che lo fanno con tutt'altro gusto, fa muovere davvero più di un sorriso, i suoi soli sono davvero a livello tribute band di provincia. Nel solo di patience mi è scappato un "e tirala 'sta nota,cacchio!".Soprassediamo.

Dunque la band gira decisa e piuttosto affiatata, belli gli stacchi con i fuochi, le stelle filanti, i video e le luci a fare un bel contorno, rimango stupito dai pezzi di Chinese, che, forse perhè inframezzate dai classici, convincono di più, e in effetti vengon scelte le migliori, che sembrano ben recepite dai presenti, anche se con meno clamore.

Veniamo ad Azeglio: dopo 6 anni e tante chiacchiere d'impatto lo vedo abbastanza in canna. Sul palco, considerate le 3 ore e 15 di show (!) è piuttosto dinamico, e come frontman cala ancora le braghe a tutti.
La voce: considerata la lunghezza della show giù il cappello, quanto alla prestazione vocale in sè ho un po' di riserve: molto buona la partenza con Chinese, Jungle, Easy ecc. ricordo anche un'ottima This I love dove viene finalmente fuori tuto il suo registro classico e applausi a scena aperta. In generale, avendolo finalmente ascoltato di persona, direi che ormai Axl canta totalmente in falsetto, grattando qua e là: su alcuni pezzi funziona alla grande, vedi Jungle, This I love (magistrale), Civil War e Dead flowers (graditissima sorpresa); ma su quasi tutto il suo registro ha perso molto tono: l'estensione non manca, ma compare l'"effetto gattone" che sui pezzi storici stona leggermente (Rocket queen così non si può sentire) e sulle basse è anche un filo grottesco (Mi vengono in mente "Sorry" e "November rain" che si riscatta però nel finale con degli acuti notevoli).
La voce in certi punti non c'è nettamente più (terrificante sulle basse in "Whola lotta rosie" e "Madagascar"), ma si riscatta decisamente nei registri più alti.
In generale Axl si è difeso piuttosto bene ieri, anche se non l'ho sentito al top.

Insomma: lo spettacolo nel complesso merita, ed Axl qualche cartuccia da sparare ce l'ha ancora. Ho percepito (ma è una sensazione del tutto personale) che la voglia di spaccare il mondo che avevo percepito sei anni fa stasera abbia lasciato il posto ad un signore che abbia la lucida rassegnazione di chi deve reimpersonare sè stesso per continuare.
Sono andato via con una punta di nostalgia, pensando a quel matto losangelino che sembrava dovesse spaccare tutto col il suo ritorno e in fin dei conti propone uno spettacolo in cui rievoca sè stesso e una band che non c'è più, per dare l'occasione di vederlo a chi non l'abbia fatto prima, le canzoni, in fondo sono quelle, da sempre.
Ho colto quella consapevolezza in Axl, ieri.

ma in fin dei conti, lui ieri sera aveva venti donne ai lati del palco che lo mangiavano con gli occhi, e io alle due stavo divorando, da solo, una brioche in autogrill, quindi chissenefrega.

Beh, buon week end, aspetto diu leggere anche le vostre impressioni.

bella recensione...!!!  :good3: :good3: :good2: :good2:

Offline Nik

  • Chronicles of a Broken Heart
  • Gunner
  • *
  • Credibilità: -32
  • Love is Pain, as Life is Shit
    • Axl
    • Contro la Reunion
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #57 il: 23 Giugno 2012, 12:00:pm »
Caro Josh ti ringrazio: è raro trovare persone come te che esprimano cosiderazioni tutto sommato equilibrate e sensate... per me sei stato una boccata d'aria fresca, rispetto a quel che mi tocca quotidianamente.

Offline hrova_gnr

  • Gunner
  • *
  • Credibilità: 7
    • Axl
    • Neutrale
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #58 il: 23 Giugno 2012, 12:01:pm »
bellissima recensione !

Garth_Farmer

  • Visitatore
Re:June 22nd, 2012 Rho (Milan), Italy @ Arena Fiera Milano (Gods Of Metal)
« Risposta #59 il: 23 Giugno 2012, 12:24:pm »
Caro Josh ti ringrazio: è raro trovare persone come te che esprimano cosiderazioni tutto sommato equilibrate e sensate... per me sei stato una boccata d'aria fresca, rispetto a quel che mi tocca quotidianamente.

Lo sai che non è così quotidianamente quindi non te la tirare.  :taunt: